Crea sito

Danza Insieme è un’ASD che nasce dall’unione del Centro del Balletto (1987) e del Nuovo Centro Danza (1995).

Due sono le sedi : una in via teatro Massimo 15, l’altra in via Asti numero 14.

Serietà e professionalità sono le costanti della scuola di danza Danza Insieme che propone un’attività quotidiana caratterizzata dal desiderio di crescere e di ricercare.
L’obiettivo finale deve consentire ad ogni danzatore un a formazione completa che metta in evidenza la creatività personale, offrendo la possibilità di esprimersi a tutto tondo e a favorire l’inserimento nel mondo del lavoro.

Danza Insieme, inoltre, si avvale di una preziosa e costante collaborazione di un medico altamente qualificato al fine di individuare, prevenire e/o curare alcune conseguenze che la danza può provocare sul fisico e possibili incidenti o danni che possono verificarsi durante la sua pratica, soprattutto se il danzatore è ancora bambino. Tutti fanno danza ma non tutti con criterio.

Danzare vuol dire..

Allegria, gioia, tanta voglia di fare. Ed ancora, una considerevole dose d’ansia, tensione, preoccupazione, panico. Tutto viene mescolato insieme dentro il grande calderone di un saggio di fine anno.

L’anno scolastico, trascorso tra mille gocce di sudore, i rimproveri del Maestro, la voce decisa e severa del coreografo che diciamo affettuosamente nostro, fra calzerotti, calzamaglie, cerotti, inevitabili ed ossessionanti diete dimagranti, volge alla fine e ci invita a trascorrere un’importante serata che consumerà in palcoscenico, nel breve volgere di due ore, il lavoro e le fatiche di un intenso anno di studio.

Danzare è esaltante ma anche difficilissimo: al lavoro delle gambe è dei piedi è necessario aggiungere il cuore ed il cervello. Ferrea volontà, costanza, pazienza, rigida disciplina accompagnano la giornata del neofita esperto e, in pari misura, quella del professionista affermato.

Danzare non vuol dire soltanto dare sfogo alla libera espressione del corpo, vuol dire anche servirsi di una rigorosa tecnica insieme all’esercizio costante. Trascurare la classe significa andare incontro a seri guai: la linea dell’arabesque si perde, l’aplomb, difficilmente conquistato, non esiste più, le piroette sbandano. E’ necessario disporre di tanto coraggio, di grinta, di volontà e di tanta passione.

Conoscere ed amare la danza consente un approccio a forme d’arte nobili ed elevate come la musica e il teatro, aiutando a comprendere i multiformi significati del movimento, della gestualità, della carica e della forza espressiva che il corpo umano possiede e può esprimere.

Danzando, sicuramente, si fatica spesso si soffre, ma si impara anche a vivere.

Antonella Nicosia

foto5